Skip to main content

Quello che può essere un semplice gesto, un simbolo della propria cura e del proprio affetto per una persona, può racchiudere un tessuto di significati e implicazioni di diversa natura: in questo breve approfondimento, vogliamo parlarti proprio del dono.
Quando facciamo un dono a una persona, infatti, possiamo utilizzare questo regalo come tramite del messaggio che vogliamo rivolgere al suo destinatario. Arricchiamo, quindi, questa piccola azione di numerosi significati che vanno a rafforzare il rapporto che ci lega alla persona e a veicolare l’idea dell’altro che abbiamo creato nella nostra mente. Fare un regalo implica una scelta in base ai propri gusti e ai gusti di chi lo riceverà, così come ci porta a considerare aspettative e desideri nostri e altrui.

Il dono: implica solo la sfera materiale?

Se il regalo può appartenere all’ambito delle convenzioni sociali, come ricorrenze e tradizioni, il dono copre uno spettro più ampio che può superare il confine della materialità del gesto.
L’atto del donare non è necessariamente connesso all’obbligo, seppur piacevole e affettuoso, del regalo a un familiare o a un amico per festeggiare una data importante o per suggellare un momento speciale.
Donare significa dare, cedere qualcosa, anche una parte di sé, senza aspettarsi nulla in cambio; ma è davvero così? La risposta a questa domanda vuole suggerirti una riflessione più inedita e portarti a riflettere sul dono come strumento d’immortalità o mezzo di scambio.
Attenzione, non bisogna cadere nell’errore di pensare che dietro al gesto ci siano delle strategie machiavelliche per forgiare la volontà del destinatario del dono sulla base delle nostre aspettative.
Quando doniamo qualcosa, che sia un oggetto, un simbolo o semplicemente una frazione dei nostri sentimenti, diamo vita a un inevitabile scambio, di cui godiamo insieme a chi riceve.
Nel dono, infatti, troviamo un mezzo per manifestare il nostro affetto che dà il via a una dinamica di reciprocità: quando tu compi l’atto del donare già possiedi il piacere del gesto in sé; inoltre, ottieni che il destinatario del tuo dono può riconoscerne l’importanza e conservare di te un ricordo perenne, senza tempo.
Dunque, possiamo affermare che quando doniamo, cediamo la nostra cura per l’altro per ottenere l’immortalità nel pensiero e nell’affetto di quella persona. Lasciamoci, quindi, ispirare da Goethe che disse: “se vuoi vivere felice, viaggia con due borse, una per dare, l’altra per ricevere”.

Se vuoi acquisire maggiore consapevolezza
dei tuoi sogni e delle tue paure, consulta anche
questi contenuti o discutine insieme a noi.

Prenota un incontro

Cliccando su "Invia" dichiari di aver letto la Privacy Policy

×