Skip to main content

Andare a sciare è un’attività che amano in molti: chi attende la stagione invernale per la prima nevicata sa bene quant’è grande la passione che nutre per la montagna. Tra i picchi innevati, orizzonti sconfinati e paesaggi da favola, la montagna ha il potere di farti sentire libero e pienamente te stesso, senza etichette o maschere sociali: solo tu e i tuoi limiti da superare.
La montagna, poi, può essere anche un luogo che si presta alla condivisione delle proprie passioni e del proprio tempo con gli altri.
Quando ti dedichi a ciò che ti piace fare e trai energia positiva dal farlo con chi ami o con chi ha la tua stessa passione, il momento di assoluta piacevolezza acquisisce grande importanza: nella condivisione, puoi arricchire le tue capacità o avere un ruolo importante nella crescita degli altri vicino a te, puoi costruire ricordi indelebili che rafforzano i legami umani e, infine, puoi trovare numerosi stimoli al superamento dei tuoi limiti individuali.

Sciare in compagnia: come prevenire il rischio di una tragedia

Reinhold Messner diceva: “Il fascino delle montagne è dato dal fatto che sono belle, grandi e… pericolose”; infatti, uno svago che ha degli elementi di pericolosità, come nel caso della giornata sugli sci con il partner o gli amici, da momento di evasione e condivisione può facilmente sfociare in una sciagura, se non in un evento fatale.
Non di rado, situazioni di piacere si trasformano in attimi di tragedia a cui non tutti sono preparati. Nel caso sventurato in cui tu possa essere la causa di un inconveniente ai danni di chi è con te, esiste una via che ti permette di godere appieno del tuo momento di piacere condiviso limitando il tuo senso di colpa.
Innanzitutto, acquisire informazioni sul territorio e sulle norme da rispettare in pista, può già metterti nella condizione di ridurre le probabilità di infortunarti o di essere, a tua volta, causa di un incidente. Per esempio, sarebbe bene arrivare sulla pista da sci con un minimo di preparazione atletica alle spalle, che può portare a diminuire la stanchezza durante l’attività e, quindi, gli errori generati da una mente poco lucida.
Per i più esperti, poi, il rischio di infortuni non è azzerato, anzi: spesso, la sicurezza in se stessi data dall’esperienza sul campo può portare a volersi spingere oltre, mettendo in pericolo il proprio benessere e quello degli altri; quindi, rispettare i limiti di velocità e, in generale, le norme della pista diventa ancor più fondamentale.
Ma nel caso in cui, nonostante tutte le precauzioni prese per scongiurare i rischi, tu sia la causa, ad esempio, di una collisione con chi ha deciso di trascorrere con te la giornata sugli sci, una copertura assicurativa ti mette al riparo dal senso di colpa.
Nello sfortunato evento, quando gli altri vicino a te devono confrontarsi con le conseguenze drammatiche di un travolgimento, tra cui l’inabilità o l’invalidità, potrai comunque ricorrere a una soluzione capace di armonizzare i danni causati a chi ti sta a cuore.

Se vuoi acquisire maggiore consapevolezza
dei tuoi sogni e delle tue paure, consulta anche
questi contenuti o discutine insieme a noi.

Prenota un incontro

Cliccando su "Invia" dichiari di aver letto la Privacy Policy

×